Frenatura dinamica per azionamenti elettrici in campo marino ed offshore - Cressall Cressall

Frenatura dinamica per azionamenti elettrici in campo marino ed offshore

Applicazioni

I sistemi di azionamento elettrico vengono utilizzati sempre più sulle navi, sulle piattaforme petrolifere, sugli yachts, sulle gru-chiatta e sui mezzi navali di tutti i tipi, per tutte le applicazioni di potenza: eliche di propulsione, eliche di manovra, argani e verricelli, gru, ascensori, nastri trasportatori, posa cavi e tensionatori.

Vantaggi della frenatura elettrica

Un importante vantaggio nell’utilizzo di un motore elettrico é rappresentato dalla facile disponibilitá di sistemi affidabili di frenatura elettrica e rigenerativa a resistenze come integrazione o sostituzione degli impianti frenanti meccanici tradizionali. Altri vantaggi della frenatura elettrica sono la precisione nel controllo, l’affidabilità, la semplicità meccanica, il peso inferiore e in alcuni casi la possibilità di riutilizzare l’energia di frenatura.

Gamma

La vasta gamma di tecnologie nel campo resistenzeinsieme all’esperienza di lunga data in questo settore garatiscono a Cressall Resistors Ltd la possibilità di fornire la soluzione piú adatta a tutte le applicazioni di cui sopra, con potenze di frenatura a partire da pochi kW fino a molti MW (necessari, ad esempio, per alcuni tipi di freni per gru

e motori di propulsione principale) utilizzando metodi di raffreddamento che comprendono liquidi, aria forzata e convezione naturale. Abbiamo giá una serie di prodotti standard di tutte le applicazioni.

Dettagli progettuali

La maggioranza dei nostri prodotti utilizza elementi resistivi metallici di adeguata potenza nominale, isolati elettricamente con materiali minerali e protetti da una corazza in Incoloy. Questa tipologia é meno vulnerabile ai danni meccanici, impedisce il contatto elettrico accidentale con eventuali alte tensioni ed é quindi molto più sicura in questi tipi di ambienti aggressivi. Per resistenze di frenatura che operano a più di 2 kV, gli elementi corazzati non sono piú adatti e utilizziamo quindi elementi “live”. Normalmente, il raffreddamento è realizzato per semplice convezione naturale, ma se il calore da smaltire diventa eccessivo, causando problemi all’impianto di condizionamento della mezzo navale, si puó aggiungere uno scambiatore di calore aria-acqua, trasferendo cosí l’energia di frenatura al sistema di raffredamento della nave.